Recensioni bibliografia Taoismo

Recensioni sul Taoismo


Yang Jwing-Ming – Qigong cinese: gli “Otto pezzi di broccato”- 131 pagine. Edizioni Mediterranee

Possono otto semplici esercizi cambiare la nostra vita? Certo che possono, provare per credere. Questo libro è un semplice manuale su un’arte antica, millenaria, utilizzata in passato da uomini, saggi e monaci per il proprio benessere. E per rendere più lunga la propria vitalità, oltre che la propria vita.

Con un linguaggio semplice e accessibile a tutti, l’autore spiega i fondamenti del Qi (energia) Gong (suono ma anche movimento) che molto hanno a che fare con i precetti della millenaria Medicina tradizionale cinese. Lo scopo è quello di conoscere il proprio corpo e la propria energia, fino ad arrivare a muoverla. In particolare, in questo libro vengono esaminati “Gli otto pezzi di broccato”, otto esercizi che possono essere effettuati seduti o in piedi. La cosa importante è non mollare, continuare ad esercitarsi giornalmente fino ad arrivare a percepire il muoversi della propria energia nel corpo.

Tutti possono effettuarli e se la propria salute non è al massimo, o si è malati, si possono anche fare da seduti. Gli effetti benefici di questo “respiro in movimento” non tarderanno a farsi sentire.

Il cuore di questi esercizi sta proprio nel respiro e nel movimento, una specie di meditazione che aiuta a sgombrare la mente e a gestire lo stress, nonchè a percepire le diverse parti del corpo e i punti di equilibrio. Ci sono diverse versioni degli “Otto pezzi di broccato” e non importa quale impariamo, la cosa importante è continuare ad esercitarsi, quotidianamente. Ogni forma (pezzo) deve essere eseguita per 24 volte, o comunque per multipli di 3, per un totale di una ventina di minuti giornalieri da dedicare a se stessi, prendendosi una piccola vacanza dal mondo.

L’autore propone una versione classica, cinese e spiega come lo studio di questi pezzi, sia modellato proprio sulla risonanza dell’universo nel corpo umano: noi siamo un microcosmo che ripropone alcune regole del macrocosmo. Ogni singolo organo viene stimolato dal movimento e dal respiro, come se venisse massaggiato. Contemporaneamente le nostre difese immunitarie si rinforzano, perchè la nostra energia diventa più forte. Così potremmo ottenere una qualità della vita migliore, e maggior salute. Non è richiesta nessuna preparazione fisica, ma molta costanza per seguire questi antichi precetti che fanno del movimento, associato al respiro, una’arte sapiente. Esiste un ulteriore livello di Qigong ed è quello che porta all’illuminazione, ma come spiega bene l’autore questo è riservato ai monaci e a chi vive in solitudine, perchè solo in solitudine, lontano dalle quotidianità e da un mondo caotico, il nostro spirito può elevarsi fino ad un livello superiore. A noi basta accontentarci di mantenere la nostra salute ad un buon livello, di tenere lontani disturbi e malattie e imparare che dentro noi ci sono tutte le risorse per stare bene. Se riusciamo a metterci in contatto con la nostra energia potremo dirigerla verso il nostro benessere.

Perchè la vita è fatta soprattutto di energia.

Bianca Folino

La-Voi-Rationelle-La-Via-Taoista-Matgioi

La Via Taoista (titolo originale: La Voie Rationelle), di cui consulto una copia del ’97 edita da Libritalia ma di cui si trovano riedizioni più recenti, è uno di quei libri in cui ci si imbatte per caso o di cui ci può parlare un esperto che a sua volta se l’è trovato in mano chissà come; un libro che dà immediatamente l’impressione di qualcosa di prezioso, di tesori nascosti, antichi segreti tramandati nel tempo, ma offre anche spiegazioni illustrate con dovizia ed interpretazioni ricche e affascinanti a cura di qualcuno che, con passione e competenza, si dimostra completamente assorbito dal mondo che divulga e i cui princìpi fanno parte di lui.

Sabrina Servucci

Matgioi-Jean-Pierre Laurant

Matgioi (7 agosto 1861, Nancy – 30 dicembre 1939, Parigi), che significa l’Occhio del giorno, è il nome iniziatico di Albert-Eugène Puyou de Pouvourville, che con questo libro ci restituisce la sapienza taoista con cui venne in contatto.

Dalla Scuola Militare alla Legione Straniera di Tonchino nel Vietnam del Nord, dal ruolo di Guardia Civile in Estremo-Oriente fino al terzo soggiorno da tenente in Asia, passando per un incarico da parte del Ministero di Belle Arti e la pubblicazione, nel 1894, del suo libro L’art indochinois, Matgioi viene forgiato, fin dalla giovane età e a fianco della sua carriera di ufficiale, dai princìpi della tradizione taoista e dell’esoterismo mediorientale.
Sabrina Servucci

Matgioi-la-via-metafisica

Ne La Via Taoista, complementare ad un altro volume dal titolo La Via Metafisica, Matgioi traduce e commenta, nel rispetto della più autentica dottrina, il Tao Te King; ci illustra il Kan-ing, ovvero le Azioni e Reazioni invisibili del comportamento sul piano individuale e universale; ci introduce alle gerarchie e alle società segrete, tra personaggi di alto rango iniziatico schivi a ogni notorietà profana; ci svela le Scienze Sacre; ci offre indicazioni su fisiologia, patologia e tossicologia; ci parla del Taoismo Contemporaneo esaminando gli equilibri e squilibri “delle razze”, le differenze e le cause, i prevedibili movimenti di pensiero, sociali ed economici.

Offre una chiara, sapiente e profonda conoscenza e prosegue egregiamente la migliore Tradizione.
Sabrina Servucci